CHI SIAMO

The String Circle, il nuovo progetto ideato da Le Dimore del Quartetto e promosso in collaborazione con Fondazione Museo del Violino Antonio Stradivari, mette in connessione l’eccellenza dell’arte liutaia con la nuova promettente generazione di musicisti, attraverso la mappatura internazionale delle migliori botteghe artigiane.

L’idea nasce per rispondere da una parte alla volontà di valorizzare l’arte e la professionalità del Maestro liutaio intercettando un pubblico specifico e dall’altra, alla necessità di disporre di strumenti di qualità per i giovani musicisti al debutto della carriera: a partire da questi bisogni nasce The String Circle, una Rete diffusa di Maestri Liutai che facilita lo scambio internazionale tra queste due figure favorendone la crescita professionale e artistica.

I liutai selezionati dal Museo del Violino offrono uno o più strumenti in comodato d’uso e una serie di servizi (riparazione, manutenzione, etc.) ai musicisti della rete de Le Dimore del Quartetto. Le botteghe artigiane sono segnalate in una mappa interattiva che facilita la loro localizzazione e la creazione di una collezione diffusa a disposizione dei giovani artisti.

Il progetto trae origine da un’idea de Le Dimore del Quartetto, la rete internazionale che oggi supporta 90 giovani quartetti d’archi e gruppi di musica da camera nei primi anni di carriera, ed è promosso in collaborazione con La Fondazione Museo del Violino Antonio Stradivari, responsabile della ricerca e mappatura dei liutai artigiani d’eccellenza, scelti tra quelli che hanno ricevuto premi di caratura internazionale.
Il progetto ha già ottenuto il patrocinio della Fondazione Cologni dei Mestieri d’Arte (www.fondazionecologni.it)

COME FUNZIONA?

• I liutai che aderiscono al progetto conservano gli strumenti nelle loro botteghe, nei Paesi dove lavorano.
• Ciascuno strumento viene consegnato personalmente dal liutaio al musicista che richiede di averlo in comodato d’uso.
• I comodati d’uso, regolati da contratti stipulati direttamente tra liutaio e i singoli musicisti, hanno la durata massima di 1 anno, rinnovabile, con controllo obbligatorio ogni 6 mesi presso il liutaio comodante.
• In caso di eccessiva distanza o altro serio impedimento, il controllo potrà essere effettuato presso un altro liutaio della rete, previa autorizzazione del liutaio comodante.
• In caso lo strumento necessiti manutenzione, dovrà essere obbligatoriamente riportato al liutaio comodante.
• Il contratto dovrà prevedere la possibilità di riscatto dello strumento alla scadenza del comodato, con condizioni economiche agevolate da comunicare prima dell’avvio del comodato. 

Al fine di valorizzare ulteriormente il progetto e la collaborazione, si propone inoltre di programmare un ritrovo biennale di musicisti e liutai a Cremona per una o due giornate, dove vi sia la possibilità di incontri diretti, workshops interattivi inerenti la scelta, la cura e manutenzione degli strumenti, ed incontri sul tema dell’acustica, facendo leva anche sulle competenze del laboratorio di Fisica Acustica degli strumenti musicali del Politecnico di Milano, che ha sede all’interno del Museo del Violino. 

VUOI ADERIRE ALLA RETE?

Per entrare a far parte di The String Circle, è necessario mettere a disposizione almeno uno strumento (violino, viola, violoncello, archetto) in comodato d’uso e diversi servizi erogati con particolari convenzioni per i musicisti degli ensemble aderenti alla rete de Le Dimore del Quartetto.

Scrivi a info@thestringcircle.eu inviando la tua biografia, qualche foto della tua bottega e tutte le informazioni riguardanti i servizi e lo strumento che vuoi mettere a disposizione (foto e informazioni tecniche). Saremo felici di valutare la tua candidatura!

DOMANDE FREQUENTI

The String Circle intende coinvolgere direttamente un ente assicurativo al fine di individuare una polizza che possa coprire eventuali rischi di danneggiamento e furto in modo uniforme per tutti i prestiti. In fase di adesione, i liutai specificano se hanno o meno una copertura assicurativa già in atto per i propri strumenti; una volta ricevuta questa informazione, si concorda con Le Dimore del Quartetto se procedere con l’assicurazione in corso o se aderire alla proposta assicurativa riservata alla Collezione diffusa.

La Rete diffusa dei Maestri Liutai nasce con obiettivi molteplici: 

  • creazione di una piattaforma che connette la liuteria di alta qualità cremonese, nazionale e internazionale, con i più promettenti quartetti e trii d’archi provenienti da differenti Paesi, favorendo lo sviluppo di una rete di rapporti professionali e personali di fiducia tra le due categorie; 
  • rafforzamento della presenza internazionale della Fondazione Museo del Violino Antonio Stradivari, che diventa nuovo punto di riferimento e garante per i musicisti, e si pone sulla mappa come punto di interesse all’interno degli itinerari di valorizzazione e scoperta del territorio promossi da Le Dimore del Quartetto; 
  • promozione della liuteria contemporanea ispirata alla scuola classica cremonese, con visibilità internazionale del progetto e comunicazione mirata ai target di mercato direttamente interessati;
  • comunicazione integrata tra i partner della Rete diffusa dei Maestri Liutai, con la creazione di una mappa interattiva che localizzi le botteghe selezionate e ne valorizzi il lavoro attraverso strategia social network e stampa specializzata e non; 
  • creazione di una rete internazionale di liutai di riferimento per riparazioni, manutenzioni, sostituzioni nelle diverse città europee. La rete sarà segnalata agli ensembles de Le Dimore del Quartetto e a tutti i musicisti e i partner musicali che orbitano attorno a questa realtà. 

La ricerca di strumenti e di archetti di alta liuteria da parte dei giovani musicisti professionisti è endemica al debutto della loro carriera. Chi sceglie di intraprendere la carriera musicale si trova nella condizione necessaria ed improrogabile di dover disporre di uno strumento e di un archetto che permetta e supporti la propria attività artistica con il massimo dei risultati.  

L’artigianalità e la cura che i liutai impiegano nella loro professione necessita di una visibilità che permetta loro di raggiungere un pubblico specifico: musicisti in cerca di strumenti e servizi di qualità, capaci di riconoscere e comprendere il valore unico e originale dell’arte liutaria.

A differenza degli strumenti antichi, gli strumenti artigianali moderni – che non sono parte di una fabbricazione di serie – possono subire modifiche sartoriali e accorgimenti calibrati direttamente sulle esigenze del singolo musicista.

Le Dimore del Quartetto è un’impresa culturale creativa che sostiene giovani quartetti d’archi e ensemble di musica da camera internazionali nell’avvio alla carriera e valorizza il patrimonio culturale europeo, in una economia circolare.

Nata nel 2015 da un’idea di Francesca Moncada, Le Dimore del Quartetto si sviluppa a partire da un semplice scambio: alla vigilia di un impegno artistico, i musicisti sono ospitati gratuitamente in una dimora per massimo una settimana e, in cambio, durante il periodo di residenza offrono un concerto ai proprietari. In questa economia circolare, le dimore diventano una risorsa preziosa per i quartetti e viceversa: si creano occasioni di incontro in luoghi inconsueti e in territori spesso decentrati, riportando in vita spazi non pienamente utilizzati e avvicinando un nuovo pubblico alla musica da camera. 

Oggi, Le Dimore del Quartetto, con una rete consolidata nell’ambito musicale e del patrimonio culturale, si occupa di progettualità attraverso l’organizzazione di

  • festival e itinerari di viaggio volti a scoprire e valorizzare i territori e la musica da camera
  • masterclass, corsi di perfezionamento e percorsi di formazione per musicisti
  • progetti didattici per scuole primarie e secondarie e università
  • formazione e attività di team-building per aziende
  • residenze e concerti in dimore storiche e altri luoghi di interesse culturale

SCOPRI DI PIÙ

Il Museo del Violino “Antonio Stradivari” (MdV) è una fondazione di diritto privato, cui partecipa anche il Comune di Cremona come socio fondatore di cui il Sindaco è presidente.

MdV ha iniziato la sua attività nel 2013, come continuazione e sviluppo delle attività svolte in precedenza dalla Fondazione “A. Stradivari” (già Ente Triennale): in particolare il Concorso Triennale Internazionale di Liuteria la cui prima edizione risale al 1976, certamente il concorso di maggior prestigio a livello internazionale.

MdV ha come scopo la divulgazione e la promozione della grande tradizione della liuteria classica di Cremona, riconosciuta dall’UNESCO come Patrimonio Immateriale dell’Umanità,  Tale scopo è perseguito in primo luogo con la conservazione di strumenti ad arco costruiti dai grandi maestri del passato, quali gli Amati, Stradivari e Guarneri –per citare i più famosi– per arrivare ai giorni nostri con la collezione di liuteria contemporanea costituita dagli strumenti vincitori di Medaglia d’Oro al Concorso Triennale.

Attraverso un percorso accattivante e interattivo, nel MdV si racconta la storia della liuteria, la nascita del violino ed il ruolo centrale di Cremona, si spiega come vengono costruiti il violino e gli strumenti della sua famiglia, quale è stata a loro evoluzione nel tempo seguendo gli sviluppi della musica e tanto altro ancora.

Una caratteristica pressoché unica tra i musei musicali è che la quasi totalità degli strumenti di MdV sono suonabili e vengono utilizzati con regolarità in brevi concerti offerti ai visitatori.

Il complesso museale comprende:

  • L’auditorium “G. Arvedi”, vero gioiello di design architettonico (vincitore del premio “Compasso d’Oro” e di acustica (curata dal famoso ingegnere acustico Yashuisa Toyota)
  • Padiglione “Amati”, area per esposizioni temporanee e altre attività non museali
  • Laboratorio di Indagini Diagnostica non Invasiva della Università Pavia per strumenti ad arco
  • Acoustic Lab del Politecnico di Milano per la fisica acustica degli strumenti musicali

Oltre all’attività museale MdV organizza, anche in collaborazione con altre istituzioni cittadine numerose attività, tra le quali:

  • Mostre di liuteria anche collegate a percorsi musicali sia nella propria sede che in Italia e all’estero
  • Missioni di promozione della propria attività con concerti con strumenti storici
  • Cicli di concerti da camera quali lo Stradivarifestival o Concerti in Auditorium
  • Audizioni con strumenti storici offerti più volte la settimana ai visitatori
  • Corsi e seminari specialistici per liutai
  • Attività didattica prevalentemente rivolta agli studenti
  • Attività di ricerca in ambito di liuteria

Nel giro di pochi anni MdV, grazie alla sua unicità e dinamicità, si è guadagnato un posto di primo piano nel panorama anche internazionale dei musei musicali e delle istituzioni musicali in genere. Ospita un pubblico in costante crescita numerica, avendo superato i 100.000 visitatori/anno prima della pandemia, con una componente internazionale superiore al 30% proveniente da ogni continente.

SCOPRI DI PIÙ

GRAZIE A THE STRING CIRCLE…

  • I liutai selezionati accedono ad un bacino internazionale di professionisti, promuovendo i propri strumenti all’interno di un mercato di eccellenza garantito, pronto ad investire in strumenti di alto pregio, e presentandosi come punto di riferimento liutario a livello locale ed internazionale
  • I musicisti della rete de Le Dimore del Quartetto entrano in contatto con una selezione di liutai accreditati dalla Fondazione Museo del Violino Antonio Stradivari in diverse aree geografiche, con la possibilità di accedere ad agevolazioni per gli acquisti di strumenti ad arco, comodati d’uso e servizi di consulenza e manutenzione
Privacy Policy | Cookie Policy