FONDAZIONE ANTONIO CARLO MONZINO

La famiglia Monzino ha dato vita a un laboratorio di idee e studi applicati alla produzione di strumenti musicali di alta qualità, accumulando nel tempo una collezione eccezionale di strumenti a corda, specialmente strumenti a pizzico ed arco. Questa collezione rappresenta un importante percorso nella storia della liuteria, includendo opere di rinomati liutai come i fratelli Guadagnini, i fratelli Riccardo e Romeo Antoniazzi, Ambrogio Sironi, Paolo De Barbieri, e molti altri, che hanno lasciato un segno significativo nella liuteria dal Settecento al Novecento.

La Collezione Monzino comprende numerosi strumenti datati dal Seicento fino ai giorni nostri, tra cui spiccano una chitarra di un anonimo costruttore italiano della fine del Seicento e un violino di Carlo Antonio Testore del 1759. Settantanove di questi strumenti sono stati donati nel 2000 al Museo Civico degli Strumenti Musicali del Castello Sforzesco di Milano, con l’intento di condividere con la comunità l’ampia esperienza e la cultura accumulata in oltre duecento anni di storia nella produzione di strumenti musicali artigianali.

Altri strumenti della collezione sono concessi in comodato d’uso gratuito attraverso il progetto “Adotta un Talento”, che mira a promuovere il talento musicale fornendo strumenti di prestigio a musicisti meritevoli, al fine di diffondere la musica e favorire l’incontro tra il musicista e il suo strumento ideale.

ADOTTA UN TALENTO

Adotta un Talento nasce per sostenere e accompagnare giovani musicisti durante il loro percorso per intraprendere una carriera musicale.
Con il progetto, più di venti giovani e promettenti musicisti hanno potuto ricevere in comodato d’uso gratuito uno strumento di pregio che li sostenesse nella loro crescita.

La carriera, nel mondo della musica classica, da sempre richiede impegno e risorse. Negli ultimi anni anche questo settore ha subito importanti cambiamenti e i musicisti, anche quelli più talentuosi, per avere successo, devono diversificare le proprie competenze.

La Fondazione si propone, quindi, di sostenere giovani talenti anche nella loro formazione, cercando contributi di Benefattori, per offrire i mezzi grazie ai quali la Fondazione avrà la possibilità di fornire un sostegno al giovane musicista in tutte le aree necessarie.
Sempre con questo obiettivo, dal 2018, la Fondazione collabora con Le Dimore del Quartetto.

Privacy Policy | Cookie Policy